logo Natura

servizi avanzati per la potatura e il giardinaggio

manutenzione degli alberi

Potatura e cura di Pini e Cedri

IL PINO DOMESTICO (Pinus Pinea)
Albero maestoso e di aspetto inconfondibile per la chioma espansa ad ampio ombrello. Può raggiungere l’ altezza di 30 metri e circonferenza del fusto pari a 4 metri che in condizioni ottimali può arrivare a 200-250 anni di età. Tuttavia in ambito urbano la sua longevità si riduce drasticamente fino ai 100 anni quando è da ritenersi maturo.

Producono pigne che maturano in tre anni che vengono distaccate per la disseminazione . Questo tipico comportamento genera la necessità di asportare le pigne in luoghi frequentati per evitare incidenti.

trecclimbing su un pino

La circonferenza della chioma raggiunge facilmente i 20 metri di diametro e l’ apparato radicale è robusto e profondo; inizialmente dotato di un fittone che può approfondirsi per 1 metro e successivamente sviluppa forti e robuste radici laterali che tendono a rimanere in superficie, specialmente se il suolo è asfittico, caratteristiche di cui si dovrebbe tener conto al momento dell’impianto.

 

 

POTATURA DEI PINI

Per poter provvedere alla loro manutenzione ottimale in ambito urbano si consiglia di praticare una periodica potatura di alleggerimento della chioma e la rimonda del secco con eventuale e tempestiva rimozione dei rami mal inseriti o che interferiscono con manufatti (condomini, case, linee elettriche, passaggi veicolari e pedonali).

esempi potature pino

Tali operazioni serviranno a rendere la chioma armoniosa e permeabile al vento. Il ramo deve essere alleggerito su tutta la sua superficie senza dar luogo all’effetto “coda di leone” che genera il distacco dei rami. La FREQUENZA degli interventi può variare dai 2 ai 6 anni a seconda dell’età, dell’accrescimento e del sito di radicazione di ogni esemplare con una media di intervento di 3 anni.
Una buona potatura NON genera MAI rami spezzati dopo pochi mesi, se si spezzano rami dopo la potatura NON si è praticato un buon lavoro.

 

Per approfondire vedi anche la sezione "Lotta alla processionaria".

 

cedro

IL CEDRO (Cedrus spp)
Alberi di prima grandezza, sempreverdi a portamento piramidale che possono raggiungere notevoli dimensioni con altezza pari a 50 metri e circonferenza del fusto di 6 metri a maturità. Producono pigne che si disarticolano per disperdere i semi e sono dotati di un legno resinoso ed odoroso tipico. Apparato radicale a disco non particolarmente ancorante facile al ribaltamento se soggetto a venti forti e costanti.

 

SAREBBE importante tenere conto di queste banali caratteristiche botaniche prima di metterli a dimora in giardini di ridotte dimensioni e a ridosso di palazzi. PREVENITRE è meglio che CURARE.

 

POTATURA DEL CEDRO
Per poter provvedere alla loro manutenzione ottimale e se strettamente necessario si consiglia di praticare una periodica rimonda del secco (ogni 3 anni) e l’eventuale tempestiva rimozione dei rami mal inseriti o interferenti con manufatti (condomini, case, linee elettriche, passaggi veicolari e pedonali).

 

NON sono tollerabili spuntature di nessun ordine e tipo se non nell’UNICO caso di riduzione armonica della chioma in reazione a drastici danneggiamenti radicali (scavi per sottoservizi) o raggiunta maturità vegetativa (esemplari di notevoli dimensioni e di pregio ornamentale vetusti) come alternativa, a carattere temporaneo, all’abbattimento.