logo Natura

servizi avanzati per la potatura e il giardinaggio

manutenzione degli alberi

Potatura degli alberi

albero

Gli alberi in natura attuano un’AUTOPOTATURA cioè un processo naturale di concentrazione di materiali “resinosi” capaci di provocare il distacco dei rami non più efficienti per motivi accidentali (urti, agenti atmosferici) o naturali (mancanza di luce, patologie dovute ad attacchi di insetti, funghi, ecc.).

 

Inoltre gli alberi in natura si sviluppano e crescono in base alla relazione di numerosissimi fattori che ne influenzano lo sviluppo (competizione interspecifica e per le risorse naturali, luce, sostanza organica, ecc).

 

In ambiente urbano tali relazioni fra esemplari e competizioni per le risorse sono alterati dal rapporto con l’uomo che facilita o impedisce l’accrescimento dell’uno o dell’altro esemplare scegliendo le specie da impiantare, il luogo, la distanza dai fabbricati e da altri esemplari, ecc. Inoltre, un albero nato in ambiente urbano è soggetto a maggiore stress (smog, impermeabilizzazione del suolo, mancanza o esubero di risorse energetiche, interferenza con manufatti, ecc.) che altera i suoi processi biologici rendendolo instabile e accelerando le sue risposte ambientali causando maggior disseccamento dei rami e accelerazione del ciclo biologico.

 

Alla luce di quanto detto sta a noi prevenire il verificarsi di distacchi e crolli dei rami o di interi esemplari con interventi mirati e calibrati al benessere e salvaguardia della pianta e dell’ambiente circostante.

 

Inoltre va sottolineato che Colui il quale è proprietario di un terreno ove è radicato un albero è responsabile sia civilmente che penalmente dei danni (caduta rami, pigne, crolli, ecc) che questi potrebbe provocare a cose e persone (art. 2051 cod. civile).

 

Il Nostro intervento servirà dunque a evitare il distacco naturale delle porzioni di chioma inattive o instabili evitando incidenti.

Ogni intervento che si effettua sugli alberi deve essere svolto nel completo rispetto della sua fisiologia e morfologia specifica rispettandone le proporzioni e le dinamiche di reazione.

 

Per questo gli interventi devono essere svolti da personale qualificato e certificato in grado di svolgere il proprio lavoro nell’assoluta salvaguardia della pianta e in tutta sicurezza.

 

Non sono tollerabili interventi di potatura drastici e insensati utili solo a rendere piante stabili e sane in futuro PERICOLOSE.

 

Pertanto l’intervento di potatura, in alberi sani e stabili e cresciuti in condizioni normali, dovrà semplicemente prevenire il rischio (naturale) di caduta dei rami e dunque provvederà solamente a:

 

L’intervento deve essere effettuato nella assoluta salvaguardia della morfologia specifica e della statica e dinamica dell’esemplare. VEDI ESEMPIO:

 

prima

dopo

 

Cosa NON FARE:

cosa non fareAttenzione!

La potatura non eseguita correttamente, oltre a deprimere la pianta fisiologicamente e/o esteticamente, può provocare il successivo attacco di malattie fungine.

 

In questa foto a destra, un esempio di una potatura non corretta. Gli alberi sono stati letteralmente decapitati.

 

Se vuoi approfondire le ragioni per cui questa tecnica è assolutamente sconsigliata, vai a questo link:

 

5 BUONE RAGIONI PER NON CAPITOZZARE GLI ALBERI »

 

Quando POTARE?

 

PER APPROFONDIRE: suggeriamo alcune linee giuda per la potatura degli alberi più diffusi a Roma: Il Pino domestico, Il Cedro e la Palma.

Cos'è il TREE-CLIMBING?

 

sull'alberoIl TREE-CLIMBING è una tecnica di lavoro sugli alberi innovativa ed ecocompatibile che, attraverso l’utilizzo di corde e attrezzature specifiche, permette di potare o abbattere alberi di ogni dimensione e tipo in modo sicuro e vantaggioso.

VANTAGGIOSO perché permette di intervenire anche sugli alberi non raggiungibili da mezzi meccanici e di lavorare dall’interno della chioma: la miglior condizione per effettuare una potatura ottimale.
NIENTE DANNI AL PRATO e alle RADICI degli alberi causate dal passaggio delle macchine per l’elevazione.

POTATURA OTTIMALE vuol dire che è in grado di non alterare l’equilibrio statico e dinamico dell’albero, diminuendo l’effetto vela e rendendo la chioma permeabile al vento, primo responsabile del crollo delle piante e dello schianto dei rami.
Tuttavia in alcuni casi (alberi instabili, alberi su strada, gruppi di alberi in filare , necessità di potatura a forma ad es. per le magnolie o altro) è preferibile e più economico utilizzare le macchine per elevazione (cestelli , ragni, gru, ecc.) in quanto permettono di operare più velocemente e , se l’operatore è un professionista , come dovrebbe, il risultato è lo stesso.

 

CHI PRATICA IL TREE-CLIMBING DEVE essere un PROFESSIONISTA, un giardiniere specializzato (cioè una persona capace di riconoscere e valutare ogni pianta sia dal punto di vista ornamentale che fisiologico) che conosce perfettamente la fisiologia e la meccanica degli alberi a cui affida la sua vita. Inoltre, nel rispetto della normativa riguardante la prevenzione degli incidenti sul lavoro (Decr. leg. n. 235 del 8 luglio 2003), deve essere certificato per i lavori in altezza su fune e quindi deve avere seguito con profitto un corso professionale riconosciuto dagli organi preposti (Società Italiana di Arboricoltura, Stato, Regioni, ecc.) e provvedere al suo aggiornamento costante.

tree-climbing

Con la tecnica del tree-climbing è possibile praticare anche “complicati” abbattimenti in luoghi ove la macchina operatrice non arriva.

Tali operazioni, svolte SOLO da personale altamente qualificato e con esperienza, permettono di “SMONTARE” un albero in tutta sicurezza per l’operatore e i luoghi limitrofi. Nei casi più complicati, dove non è possibile far cadere liberamente al suolo le parti dell’albero per la presenza di manufatti o spazi angusti si ricorrerà all’ABBATTIMENTO IN CONTROLLO DI CADUTA, tecnica che prevede la legatura di tutti i pezzi e la discesa degli stessi in luoghi prestabiliti e con la dovuta lentezza con l’ausilio di frizioni e paranchi.

TUTTI COLORO CHE NON HANNO TALI CARATTERISTICHE POSSONO DEFINIRSI SOLO ARRAMPICATORI DI ALBERI E RISCHIANO LA LORO VITA FACENDO RISCHIARE ANCHE IL COMMITTENTE DEL LAVORO.

Come disse un maestro: “ Sapete perché tutti gli scoiattoli sono bravissimi a correre e saltare tra gli alberi? Perché quelli non bravi sono già morti”. Questo è un principio di selezione naturale che è meglio non sperimentare sulle persone.